Definizione di prestito obbligazionario ordinario


Definizione prestito obbligazionario ordinario convertibile ecc. Emissione di prestiti obbligazionari di banca o società di capitali spa srl

Annunci Google


La definizione di prestito obbligazionario è quella secondo la quale trattasi di una forma di finanziamento cui fanno ricorso società di media o grossa capitalizzazione. Attraverso i prestiti obbligazionari ad es. una banca o una spa o srl o comunque una società di capitali rastrellano capitale liquido direttamente dal mercato. A titolo esemplificativo, mentre il privato cittadino si reca in banca per chiedere il prestito, le spa o srl provvedono alla emissione del prestito obbligazionario per finanziare la loro attività o addirittura alla emissione di un prestito obbligazionario convertibile al fine di far partecipare i sottoscrittori delle obbligazioni nel capitale azionario delle società oggetto di quotazione. Questa è in sintesi la ratio economica e la definizione di prestito obbligazionario online.


Il lettore più attento si chiederà che importanza o rilevanza abbia la definizione di un prestito obbligazionario da parte di grosse società in forma di s.p.a. come ad es. la ubi banca o la bcc o mediobanca od ancora banche come capitalia imi intesa sanpaolo etc etc., nel contesto di una guida alla finanza familiare? Ebbene, non a caso abbiamo citato esempi di banche, in quanto i colossi suddetti, alla fine, provvedono al collocamento delle obbligazioni presso i "bot people" cioè al popolo dei risparmiatori. Alla fine è proprio il sig. Mario di Voghera, magari pensionato, che presta soldi alle grandi multinazionali. Capita l'antifona! Per questo motivo è bene che il piccolo risparmiatore sappia cosa è e quali sono i rischi di un prestito obbligazionario sia ordinario che, soprattutto, di altre forme.


Sarebbe buona cosa, prima di aderire, di dare una lettura al regolamento del prestito obbligazionario o al prospetto informativo del prestito obbligazionario in quanto sia il prospetto informativo che il regolamento riportano le consizioni essenziali del nuovo od emesso prestito obbligazionario quali il tasso di interessi o rendimento e se è a tasso variabile o fisso e, nel caso di prestiti obbligazionari convertibili anche le condizioni per la conversione del prestito obbligazionario ovvero il rapporto di conversione tra un tot di obbligazioni ed azioni. Tutte informazioni, queste, che servono a ponderare il rischio insito nella emissione del prestito obbligazionario bancario cioè che la spa o srl non proceda al rimborso anche anticipato degli interessi e/o del capitale. E' già successo!


Per chiudere elenchiamo i più frequenti tipi di prestiti obbligazionari : quello convertibile con warrant nei quali è previsto il diritto di conversione in azioni entro una determinata scadenza o a conversione obbligatoria dove questa opzione non c'è. Il prestito obbligazionario zero coupon ovvero quello con unica dedola degli interessi in modo tale che al rimborso naturale dell'obbligazione si ottiene sia il capitale che gli interessi, mentre gli altri prestiti obbligazionari staccano periodicamente una cedola che è formata da soli interessi. Il prestito obbligazionario callable dove chi emette i titoli obbligazionari si riserva il diritto del rimborso anticipato. Il prestito obbligazionario strutturato che è il titolo a più alto rischio in quanto il rendimento delle obbligazioni strutturate è indicizzato ad un sottostante, ad es. l'inflazione o un'azione come eni deutsche anche enti locali etf ecc. Il prestito obbligazionario può essere emesso sotto la pari, alla pari e sopra la pari: si definisce emesso sotto la pari se il prezzo di emissione è inferiore al valore nominale del titolo obbligazionario, emesso alla pari se il prezzo è uguale all'obbligazione ed emesso sopra la pari se il prezzo è superiore. Un'altra definizione alla quale abbiamo dedicato un'intera pagina, posto l'altissimo rischio che presenta per i piccoli risparmiatori, è il prestito obbligazionario subordinato