Finanziamenti e prestiti con contributi a fondo perduto 2016 2017


Mini guida ai finanziamenti e prestiti con contributi a fondo perduto 2016 2017 e casi di restituzione contributi a fondo perduto

Annunci Google


Questa mini guida sul mondo dei finanziamenti, prestiti e contributi a fondo perduto o perso che dir si voglia si occuperà di alcuni aspetti particolari che raramente il lettore trovera in altri siti. C'è tanto entusiasmo quando si sente parlare di denaro ottenuto a "fondo perduto", ma attenzione non è proprio così: c'è gente che si è rovinata dopo l'ottenimento dei contributi a fondo perso. Con tale premessa vi renderete conto che non stiamo parlando del solito discorso: chi eroga i fondi, quali enti, quali sono le leggi, i bandi ecc. Beh, anche noi, alla fine dell'articolo, daremo qualche indicazione in proposito, ma la presente pagina nasce per considerare un altro aspetto. Cosa sono i contributi a fondo perduto ? La domanda sembra sciocca e scontata... il lettore starà pensando <<...sono quelli senza obbligo di restituzione!>> Beh, in parte è vero! Ma è l'altra parte che dobbiamo far conoscere e divulgare.


La differenza che intercorre tra finanziamento, prestito o contributo a fondo perduto è tra quello totale o parziale. I contributi a fondo perduto totale, coprono il 100% del finanziamento ma sono non rari, ma rarissimi: non augureremmo a nessuno di richiederli in quanto sono erogati a seguito di eventi eccezionali come ad es. in caso di calamità naturali e prendono il nome di aiuti ma in realtà sono dei finanziamenti a fondo perso identici a quelli erogati nelle zone economicamente depresse d'Italia, la differenza con questi è che non sono da restituire, salvo i casi di truffa, si intende. Da tutto ciò deriva un primo assunto: scordiamoci finanziamenti e prestiti a fondo perduto TOTALE per aprire nuove imprese o attività!. Quest'ultime, cioè la creazione di startup volte ad incentivare i livelli occupazionali, avranno accesso solo è sempre a dei contributi a fondo perso parziale quindi con obbligo di restituzione di parte del capitale erogato, probabilmente a tasso agevolato ma comunque da restituire. Ma qual'è la percentuale oggetto di restituzione e come verrà restituita ? Allora, la percentuale da restituire è indicata nel singolo bando dell'ente erogatore vuoi europeo, statale, regionale, provinciale o comunale che sia. Possiamo solo dire che varia da un minimo di 20-25% al 50% massimo. Quindi nella migliore delle ipotesi il finanziamento o contributo a fondo perso o perduto sarà del 75-80% dell'ammontare totale erogato. Il resto andrà restituito! Come? Anche le modalità di restituzione sono indicate nello specifico bando di concorso ma solitamente avviene tramite un mutuo a tassi agevolati. Occupiamoci ora della parte più "pericolosa" del prestito a fondo perduto: la restituzione del fondo perduto. Non è un gioco di parole, ma a volte anche il fondo perduto andrà, ahimè, restituito. Quando e perchè ?


Abbiamo già anticipato che qualcuno tramite l'incasso di contributi a fondo perduto ha avuto dei seri problemi, anche se pochi lo sanno o ne parlano. Cioè qualsiasi contributo e/o prestito e/o finanziamento a fondo perso non è semplicemente incassato e basta, ma è sottoposto a delle condizioni contrattuali rigidissime previste di volta in volta dal singolo bando. Trattandosi di soldi pubblici i controlli sui fondi erogati, soprattutto in questi tempi, sono praticamente a tappeto. Ebbene, la violazione di qualche condizione pattuita nel bando, non è raro, comporta la totale restituzione dei contributi incamerati magari anni prima: un caso di scuola è fornito dal prestito d'onore di Invitalia, la quale pone come condizione necessaria l'attività ininterrotta per almeno 5 anni, pena, appunto, la restituzione totale del contributo a fondo perduto a suo tempo erogato oltre gli interessi. Ma che succede se non si può pagare ? Beh, come qualsiasi tassa, imposta e "contributo" pubblico, passano la pratica ad Equitalia... e abbiamo detto tutto. Quindi bisogna stare attenti prima di chiedere contributi a gratis: leggere con attenzione i casi, ove previsti, che comportano la integrale restituzione dei fondi erogati e meditare sul da farsi.


Ora, come abbiamo accennato all'inizio, diamo qualche indicazione di ordine pratico sullo sterminato mondo dei finanziamenti a fondo perso nel 2017. Questi, sono erogati a più livelli partendo da quelli europei a quelli statali passando da quelli regionali ovvero erogati dalla singola regione a quelli provinciali e comunali oltre quelli di singoli enti istituzionali non solo pubblici ma anche da parti di privati, solitamente fondazioni. Noi, in questa sede, indicheremo quelli che sono statisticamente dominanti anche nel 2017:
prestito d'onore invitalia 2017 è la forma di prestito a fondo perso in assoluto più richiesta in Italia nelle sue 3 varianti che indichiamo ovvero il prestito d'onore per lavoro autonomo, il prestito d'onore per microimpresa e il prestito d'onore per franchising. All'interno delle predette pagine è presente la modulistica da scaricare per farsi una prima idea di come funziona;
agevolazioni incentivi e contributi per l'imprenditoria femminile ex d. lgs. n. 198/06 del codice delle pari opportunità è il finanziamento anche a fondo perso in rosa per eccellenza grazie al quale è possibile avviare nuove imprese in tutto od in parte femminili;
finanziamenti agevolati europei statali regionali x nuove imprese e start up è una fonte dalla quale recepire gran parte o la più importante normativa europea e nazionale inerente la creazione di nuove imprese sia attraverso agevolazioni varie che a mezzo finanziamenti a fondo perso.