Il contratto di prestito personale online


Il contratto di prestito in Italia - contratti e contratto prestiti on line

Annunci Google


Particolare importanza riveste il contratto di prestito personale in quanto rappresenta una condizione essenziale affinchè si perfezioni il prestito stesso. I contratti applicati ai prestiti de qua sono frutto di una lenta evoluzione normativa che, modello dopo modello, hanno portato alla attuale disciplina legale sostanzialmente regolata dalla legge n. 142 del 19 febbraio 1992 la quale, precisamente agli artt. 18 19 20 / 21 / 22 e 23, detta le condizioni minime a cui ogni schema o modulo di contratto di prestito deve adeguarsi. La suddetta sezione della legge 142/92 trae come di contratto di prestito alcune direttive della comunità economica europea recepite dallo stato italiano.


Se diamo una occhiata ai requisiti del contratti di prestito previsti dalle norme indicate ci rendiamo conto subito che l'intero modello del contratto di prestito è ispirato alla tutela dei consumatori. Basta guardare ad esempio alcune tra le disposizioni tra cui quelle in tema di nullità e/o integrazione automatica di clausole per omesso inserimento dei requisiti minimi previsti. Per agevolare la lettura della legge abbiamo sinteticamente riassunto in pochi punti le condizioni essenziali che ogni modulo o modello di contratto di prestito deve prevedere, pena precise sanzioni da parte degli organi preposti al controllo.


Requisiti o condizioni di ogni bozza o fac simile di contratto di prestito : a) la somma complessiva chiesta e prevista dal contratto di prestito; b) il tasso tan (tasso annuo nominale) del contratto di prestito; c) il tasso taeg (tasso annuale effettivo globale) e/o isc (indicatore sintetico di costo) del contratto di prestito; d) il numero totale delle rate con l'importo di ogni singola rata del contratto di prestito; e) la data di scadenza di ogni singola rata del contratto di prestito; f) lo schema di ammortamento del contratto di prestito; g) un elenco analitico di tutti i costi inclusi nel calcolo del isc o taeg; h) un elenco di eventuali costi esclusi dal calcolo del isc o taeg; i) le condizioni in base alle quali il taeg o isc può essere variato; l) il totale netto erogato derivante dallo scorporo di tutti i costi legati al contratto di prestito; m) eventuali tipi di garanzie chiesti dal contratto di prestito; n) il costo di eventuale polizza di assicurazione del contratto di prestito; o) il tasso di mora in caso di ritardo nel pagamento; p) tutte le modalità personalizzate del contratto di prestito.


In base a tutte le caratteristiche elencate potrebbe essere agevole predisporre quindi un fac simile o bozza di contratto di prestito destinato ai privati che hanno intenzione di prestarsi denaro tra loro. Ed a proposito di contratto di prestito tra privati a breve pubblicheremo noi una bozza o esempio di contratto di prestito personale aderente ai dettati della legge. Tale modulo o modello di contratto di prestito sarà poi reso gratuitamente scaricabile on line, senza una previa autorizzazione, da parte dei privati per fini personali. L'atto è stato pubblicato su: contratto di prestito tra privati gratuito

Correlate: contratto di prestito fruttifero o infruttifero per corrispondenza