Categorie costi e tassi della cessione del quinto dello stipendio e della pensione inpdap e inps


Categorie costi e tassi della cessione del quinto dello stipendio e della pensione inpdap e inps tempistica e tempi di erogazione cessione quinto a dipendenti pubblici statali e privati

Annunci Google


Gentile lettore, stai per leggere la seconda parte di un articolo dedicato alla cessione del quinto. Qualora non hai ancora letto la prima parte ti consigliamo, per motivi di ordine logico, di iniziare con questa presso prima parte cessione quinto.
Allora, come anticipammo quando spiegammo che significa cessione del quinto, la riforma del 2005 della cessione 1/5 ( vedi normativa cessione del quinto) ha esteso questo tipo di prestito a tutte le categorie di lavoratori e pensionati di qualsiasi settore. Avremo così la cessione del quinto ai dipendenti che a sua volta includerà la cessione quinto agli statali che riguarda il dipendente di qualsiasi amministrazione statale come ad es. quella militare quella della sanità della scuola come gli insegnanti etc. e la cessione quinto ai privati che è riferita al dipendente privato sia esso a tempo indeterminato che ai privati assunti con contratto a progetto cioè gli ex cococo ecc.


Poi, abbiamo la cessione quinto per pensionati la quale, giusta previsione, non sarà cedibile solo la pensione inpdap (oggi accorpata all'inps) ma in genere qualsiasi tipo di pensione e di qualsiasi ente previdenziale. Tra questi, oltre alla cessione quinto inpdap molto richiesta è la cessione quinto inps anche perchè l'ente previdenziale inps rappresenta l'istituzione che eroga la grandissima parte delle pensioni italiane e quindi l'inps è per antonomasia la cessione quinto delle pensioni. Circa le istituzioni bancarie creditizie che erogano le somme delle cessioni del v dello stipendio, devono, giusta previsione legale, essere accreditate ed inserite presso uno speciale elenco. A tal proposito distinguiamo la cessione del quinto dello stipendio operata dalle banche e quelle fatta dalle finanziarie nonchè dai mediatori creditizi... A chi rivolgersi? Beh, solitamente una banca eroga soldi raccolti tra i risparmiatori (noi clienti) quindi può erogare una cessione a tasso più conveniente rispetto ad una finanziaria o mediatore che, appunto, mediano denaro tra banche e richiedenti gaudagnando con le commissioni le quaili vengono scaricare direttamente sui costi della cessione. Attenzione, quello predetto è un principio generale: nella realtà non mancano finanziarie che fanno offerte al miglior tasso per questioni di concorrenza ed accaparramento della clientela, soprattutto tra mediatori e finanziarie operanti online in quanto la rete permetto loro di contenere i costi di ogni genere. E' bene, anche nella cessione del quinto, fare qualche preventivo in più e non fermarsi alla prima offerta che propongono.


Tempistica e tempi di erogazione cessione quinto. Questa va misurata iniziando dalla richiesta e fino all'accredito della somma sul conto corrente. La tempistica della cessione del quinto varia a seconda che si è dipendenti pubblici o privati. Per i dipendenti pubblici in senso lato (regionali, provinciali, comunali etc.) è intorno ai 10-15 giorni; per i dipendenti privati i tempi di erogazione della cessione del quinto possono dilatarsi al punto tale di superare anche i 30 giorni... Perchè? Allora, un conto è essere alle dipendenze dello stato o della P.A. in genere, altro conto è avere come datore di lavoro una sconosciuta sas o snc ovvero srl... o altro conto ancora è una spa magari nota su tutto il territorio italiano... è questo che fa la differenza circa la tempistica della cessione del quinto. Nel settore pubblico i tempi sono compressi anche perchè la documentazione è gia in seno all'amministrazione, viceversa nel settore privato ci sarammo maggiori controlli circa i requisiti di solidità finanziaria del datore di lavoro anche se, anticipiamo, la cessione avviene solo attraverso una polizza assicurativa obbligatoria la quale di per sè prevede già l'ipotesi licenziamento involontario per es. per lo stato di crisi.


Gia, è proprio la emissione delle polizze di assicurazioni obbligatorie che coprono al 100% il rischio di insolvenza: il debitore, per qualsiasi motivo, non paga! No problem! Interviene l'assicurazione la quale rimborserà il debito residuo al finanziatore. Ma la polizza ha un altissimo costo in termini di tassi a livello di taeg il che, gioco forza, viene scaricato integralmente sul debitore-consumatore finale, costo, questo, che, ripetiamo, include tutte le ipotesi di perdità del posto di lavoro oltre il caso morte. La spesa altresì è ancora più alta per le cessioni del quinto ai dipendenti privati i quali hanno una maggiore possibilità di essere licenziati rispetto a quelli pubblici. Quindi, la cessione del quinto alla fine è un prodotto che va bene solo a chi ha avuto dei problemi con precedenti finanziamenti, anche perchè per questi soggetti rappresenta l'unico modo di finanziarsi se non hanno garanti o terze garanzie (confronta prestiti a segnalati crif e cai). Per chi non ha mai avuto problemi del genere sconsigliamo caldamente di finanziarsi tramite cessione del quinto ma, busta paga alla mano, chiedere un normalissimo prestito personale il quale farà risparmiare circa il 3-4% a livello di taeg (non il teg) rispetto alla cessione del quinto. Infatti, da una recente indagine fatta da Milano Finanza, la cessione del quinto ha un costo medio superiore di circa il 3,5-3,8% ripetto al generico prestito personale. Ricapitoliamo: se chiedete il primo prestito della vostra vita o siete in regola con quelli precedenti, giusta argomentazioni suddette, evitate assolutamente il prestito tramite cessione del quinto dello stipendio o pensione o per lo meno informatevi sui costi di entrambi i finanziamenti. Correlate: modulistica cessione quinto

Calcola quota cedibile cessione pensione e stipendio + doppio quinto di oltre il 50%